I 5 metodi per ritrovare il proprio benessere

Nell’articolo parleremo di diete dimagranti, allenamento ad alta intensità, farmaci dimagranti, tossine da cui proteggersi e anche di un metodo giapponese degno di nota.

Allenamento: l’H.I.I.T.
Una metodologia di allenamento che sta avendo molto successo è quella dell’H.I.I.T, acronimo di High Intensity Interval Training. Il motivo del successo di questo tipo di allenamento è nella breve durata degli allenamenti: una sessione può durare dai 4 ai 20 minuti, consentendo anche a chi ha poco tempo libero da dedicare a sé stesso un metodo quotidiano per ritrovare il proprio benessere. Il metodo dell’H.I.I.T. consiste in una serie di esercizi di breve durata ad alta intensità alternati a periodi brevi di recupero attivo. Una sessione di allenamento consiste in un primo momento di riscaldamento, cui segue una serie di 6-10 ripetizioni di esercizi ad altra intensità intervallati da brevi esercizi di recupero, per concludere con un periodo di defaticamento della stessa durata di quello di riscaldamento.

Una dieta d’urto
La dieta Dukan è una dieta a forte impatto, caratterizzata dall’ampio consumo di alimenti proteici e dalla esclusione dei carboidrati. La dieta è suddivisa in 4 fasi. Nella prima, i pasti devono essere composti in grande parte da alimenti proteici, in modo da consentire all’organismo di conservare la massa magra (i muscoli) e utilizzare come riserva energetica quella grassa. Nella seconda fase si aggiungono alla dieta le verdure, mentre l’apporto di carboidrati rimane ai minimi. Nella terza fase si introducono farinacei, pane integrale e frutta, in modo da iniziare a costruire delle buone abitudini alimentari. L’ultima fase è definita “fase di stabilizzazione”: il rigido regime alimentare mantenuto nelle prime tre fasi della dieta cessa, per venire sostituito da uno più equilibrato, lasciato alla libera scelta di chi ha praticato la dieta finora e consapevole di non voler perdere i benefici maturati durante il percorso.

Proteggersi dalle tossine
Spesso non si è al corrente degli effetti che determinati alimenti hanno sul proprio metabolismo: si può, in questo caso, prevenire almeno uno degli ostacoli più grandi alla perdita di peso: la produzione di tossine. Una buona abitudine su tutte, in questo senso, è quella di consumare almeno 2 litri di acqua al giorno. In più, per drenare ulteriormente le scorie che rallentano il processi di dimagrimento, si può assumere ogni giorno un centrifugato disintossicante preparato in casa: 3 pomodorini, un cetriolo, mezzo limone e del prezzemolo.

Il “metodo” giapponese
C’è un precetto tra le abitudini alimentari giapponesi che recita “mangia finché non sei pieno all’80%”. Su una dieta standard di 2000 calorie, questo metodo consente di assumere 400 calorie in meno. Se l’obiettivo è perdere peso ma a tavola si è dei voraci divoratori di cibo, il consiglio è quello di mangiare fino a sentirsi sazi per metà, aspettare mezz’ora e poi prendere un dolce oppure un frutto. Questo perchè i segnali del senso di sazietà emessi dal cervello impiegano 30 minuti per arrivare al corpo, e questo è un buon metodo per “ingannarli”.

Farmaci dimagranti
L’unico farmaco che prenderemo in considerazione è l’unico autorizzato in Italia per il trattamento medico dell’obesità. Si tratta dello Xenical, che si trova sotto forme di compresse. Il principio attivo del farmaco è l’orlistat: preso dopo il consumo di un pasto ricco di grassi, questa molecola inibisce gli enzimi che regolano la metabolizzazione del grasso.

Diverse Diete per prendersi cura di se

Diete, il benessere che apportano e una serie di consigli ad esse connessi.

Dieta Lemme

La dieta Lemme completa prende il nome dal suo inventore il dottor Lemme.

Tale dieta fa un promessa, quella secondo cui seguirla significa perdere fino a 7-10 Kg in un unico mese. Ma la dieta in oggetto non termina con il calo del peso necessario, sono infatti diversi i regimi alimentari che si occupano in via esclusiva di questa fase e invece che considerarla tale la ritengono l’obiettivo finale da raggiungere.

La dieta Lemme invece ha una seconda fase che è quella del mantenimento del peso raggiunto attraverso l’alimentazione consigliata.

Menù della Dieta Lemme

La dieta Lemme è molto strana, prevede dei pasti particolari e in genere viene definita come bizzarra volendo utilizzare un termine simpatico.

Per fare un esempio, la colazione secondo questo regime alimentare potrebbe anche prevedere l’assunzione di un piatto di pasta, per via dei carboidrati, mentre il pranzo prevederebbe carne o pesce (per via delle proteine) in pratica si vanno dividendo gli elementi necessari ad una corretta alimentazione ma lo si fa in maniera netta, per questo definirla strana non è poi così azzardato.

Va detto però che principalmente i cibi consigliati devono essere assunti secondo porzioni determinate con precisione, Lemme stesso sostiene che questa dieta fornisce più importanza al valore biologico del cibo rispetto a quello calorico.

I Giorni della Dieta Lemme e come viene Suddivisa

e 2° Giorno:

  • Colazione con tacchino e caffè
  • Pranzo con filetto di manzo e caffè
  • Cena con pesce spada e caffè

3°, 4° e Settimo Giorno:

  • Colazione a base di pasta olio e peperoncino e caffè
  • Pranzo con petto di pollo e caffè
  • Cena con sogliola e caffè

5° e 6° Giorno:

  • Colazione con carciofi e caffè
  • Pranzo con una fetta di fiorentina e caffè
  • Cena con un orata e un caffè

Dieta Fast-Lampo

Le diete veloci sono quelle che forse rappresentano la branchia del perder peso alla quale la stragrandi maggioranza delle persone presta attenzione.

Forniscono i risultati che promettono? Occorre rispondere dettagliatamente a questa domanda tenendo presente che i regimi alimentari consigliati variano da dieta a dieta.

Gli elementi che caratterizzano queste diete sono la velocità e la riduzione consistente del peso associata sempre al movimento e ad una vita regolata.

Uno dei casi è ad esempio la dieta lampo di 3 giorni. Questa prevede uno sforzo intenso che necessita di controllo visto che il regime alimentare può andare ad influenzare il benessere generale della persona.

Il menù da seguire nei tre giorni e il seguente:

1° Giorno:

  • Colazione cono alternativamente con caffè e dolcificante, abbinando il tutto o allo yogurt magro oppure ad un frutto di stagione.
  • Pranzo con un’insalata di finocchi e spinaci crudi e un cucchiaio di aceto balsamico assieme ad una patata lessa.
  • Merenda con ananas o uno yogurt magro.
  • Cena con 80 grammi di pasta al ragù vegetariano il primo giorno, 4 cucchiai di riso il secondo giorno, e 80 grammi di farfalle o pennette con piselli al curry il terzo giorno.

Colazione, pranzo e merenda restano invece invariati tutti e tre i giorni.

Caramelle Sugar Free. Si ma sempre con controllo

Oggi si può evitare di dover ricorrere alla chirurgia plastica dopo aver seguito una dieta irregolare per anni o prendendo troppo sotto gamba un regime alimentare dettato anche se solo all’apparenza non ci fa ingrassare scoprendo poi che salendo sulla bilancia e pur avendo seguito la nostra “amica dieta” magari dimenticandola qualche volta – senza dare a ciò peso – ed eccedendo con la caramelle o con qualcos’altro, lungi da noi dire e imporre una Dieta Vegana anche se la consideriamo molto valida e buona oltre che attenta all’ambiente tutto, pensiamo invece che sia l’autodeterminazione individuale che può far si di adottare una dieta, prendere qualche caramella diet e/o senza zucchero ma senza eccedere costantemente per poi lamentarsi di non essere calate di un chilo.

Noi siamo un sito che parla di dolcezza ma con un occhio sempre vigile anche alla forma e alle diete quindi il conto delle caramelle e dei dolcetti è un nostro argomento di discussione. Cercando un metodo per proseguire sull’intento di voler bene a noi stesse e a noi stessi mantenendo la nostra linea, dobbiamo dire che tirare le somme sulle caramelle o sui dolciumi in generale consumati nell’arco della giornata, è un criterio efficace oltre che molto utile per tenere sott’occhio le calorie ingerite.

Oppure invece delle caramelle – e si siamo proprio noi a dirlo ma solo in relazione al fatto che mantenere il proprio peso forma viene prima – potreste mangiare e assaporare altri alimenti più naturali ma comunque gustosi e ipocalorici. Esempi potrebbero essere:

Crackers integrali

Yogurt

Frutta secca
Voi a questo punto potreste pensare “ma allora tutti gli sforzi che faccio per mantenere la mia linea sono inutili!” non vi scoraggiate perché questo tipo di prodotti possono sotituire le caramelle e i dolciumi a basso contenuto di calorie solo se il vostro criterio di consumarli è compulsivo e per fortuna sappiamo che non per tutte e tutti è così.

Ok io mi sforzo! ma quanto c’è di veritiero nelle Etichette?

Se siete arrivate e arrivati a questa domanda allora significa che vi state volendo bene e che – pur non eccedendo – contemplate anche le caramelle light, senza zucchero e affini nella vostra alimentazione quotidiana. Avete presenti le etichette in grande sulle confezioni? Si? Bene non centrano nulla con ciò che interessa a chi sta facendo una dieta e può permettersi solo qualche leggero strappo.

Le nostre istruzioni sono infatti quelle di capovolgiamo la confezione e leggiamo quelle scritte microscopiche che appaiono e che sembrano solo infinitesimali macchiette sulla confezione stessa, li troveremo l’elenco che davvero ci interessa quello degli ingredienti, in questo elenco vengono riportate tutte le sostanze presenti nella composizione delle caramelle compresi gli additivi.


Lo zucchero comunque nella mentalità diffusa è ciò che contiene saccarosio ovvero un glucide formato da una molecola di glucosio e da una di fruttosio. Questo viene assorbito molto velocemente dall’organismo producendo un aumento del glucosio nel sangue. Ma non c’è solo questo zucchero nelle caramelle il destrosio è un altro di questi inoltre il saccarosio può essere proposto tra gli ingredienti in altre forme: zucchero di canna, zucchero invertito, sciroppo di glucosio, sciroppo di fruttosio, maltosio. Quindi osservate bene l’etichetta prima di eccedere con le caramelle diet perché magari state contribuendo nel frattempo ad aumentare il vostro peso credendo di essere nel giusto.

Dolci dolci e ancora dolci, un mondo infinito

Individuato come peccato capitale nel testo sacro dei cristiani la gola è qualcosa alla quale non sappiamo spesso e volentieri resistere e per questa ragione esistono tantissimi produttori di dolciumi anche riconosciuti a livello internazionale e – oltre a ciò – esistono anche fiere dedicate alla quintessenza del piacere, il cioccolato in tutte le sue declinazioni possibili.

  • Cioccolato al latte

  • Cioccolato bianco

  • Alle Nocciole

  • Alla menta

  • Fondente per vari gradi

  • Alla cannella

  • Al peperoncino

E chi più ne ha più ne metta! E certamente resistere per lunghi periodi dalla assumere anche in una sola occasione almeno un cioccolatino non è semplice e anzi può anche generare una discreta insofferenza. Inoltre a detta del dottor Umberto Veronesi e non solo per sue parole specifiche ma anche per studi effettuati da altri medici, il cioccolato aiuta – se consumato nelle giuste dosi senza esagerare – a prevenire le malattie cardiovascolari, inoltre – sempre da studi effettuati – risulta che abbia un azione mirata sul sistema che può portare un individuo alla depressione e quindi può anche essere considerato un toccasana per chi magari si sente giù. Infine aiuta anche le difese immunitarie delle persone quindi il problema non è la materia prima in sé che a rigor di logica non dovrebbe essere demonizzata, il problema vero è il consumo che si fa di determinati prodotti della natura al pari di altri che se abusati portano a scompensi di vario genere.

 

Visitate le proprietà del cioccolato dobbiamo dire che questa meraviglia della natura può essere messa al primo posto di un eventuale classifica dedicata a Dolciumi&Co. Ma nella classifica dovremmo anche includere la miriade di caramelle nostrane – per produzione e ideazione – e straniere.

Non possiamo quindi non citare:

  • Le mitiche Pastiglie Leone fabbrica dolciaria dal 1857, un marchio davvero importante con prodotti eccellenti che nel corso del tempo partendo appunto dalle Pastiglie – le prime furono quelle al meraviglioso gusto Violetta dissetanti – è arrivata a produrre anche altre caramelle anche particolari con dediche o rivolte a tematiche specifiche assicurandosi un apprezzamento anche sul piano internazionale.

  • La Nestlè che sebbene spesso abbia adottato politiche non del tutto condivisibili ha un posto di rilievo con i suoi prodotti.

  • Il marchio Ferrero anche lui criticato a più riprese per le sue politiche societarie ma pur sempre ideatore della Nutella e sappiamo che un barattolo nelle case degli italiani lo troveremo sempre.

  • Ricordate il Toblerone? Restando sempre in tema di dolci, bene la casa produttrice è la Mondelez International da noi assai meno conosciuta della Nestlè e della Ferrero ma anche della stessa Leone ma pur sempre un azienda importante visto che è internazionale e che non fa certo dimenticare il suo prodotto probabilmente più importante e diffuso.

E poi non possiamo dimenticare in questo universo di dolcezza le produzioni locali a marchio DOP e IGP che sono davvero un orgoglio per il nostro paese e non solo.

 

La gola sarà forse – per qualcuno – anche un peccato ma assaporare la cioccolata è il paradiso…

Quando la giusta alimentazione è una scelta di vita

Esistono molte persone che per prevenzione scelgono di seguire diete specifiche e in questo caso quando parliamo di diete non intendiamo quelle dimagranti ma quelle atte a preservare il corpo da eventuali malattie che nascono per carenza di specifiche sostanze.

Oggi parliamo quindi del giusto apporto di taluni di questi elementi concentrandoci sul Magnesio e sul Potassio. Un valido articolo che spiega perché sono importanti entrambi per il nostro organismo potete trovarlo in questa pagina.

Ma non volendo dare un tratto medico al nostro articolo quanto piuttosto uno naturale ci concentreremo sui cibi che contengono queste componenti.

Vogliamo entrare nella natura anche in questa occasione e fornirvi degli spunti per una giusta alimentazione al fine di prevenire malattie e disturbi vari e per farlo concentrandoci sull’alimentazione partiamo dalle verdure a foglia verde, come ad esempio gli spinaci che sanno apportare alla dieta una giusta quantità di magnesio.

Leggi tutto “Quando la giusta alimentazione è una scelta di vita”

La dieta è alla base di una buona e sana costituzione

Dieta: Perché consumare certe tipologie di alimenti può far male se con dosi eccessive e quale dieta adottare per mantenere un corpo sano

Nella società consumistica che viviamo anche il cibo è diventato nella mentalità delle persone un bene di consumo e non un nutrimento per il corpo come invece dovrebbe essere. In questo quadro molte sono le assunzioni alimentari da cambiare per ritornare ad avere una salute buona.

Nel nostro sito ci occupiamo di fornire consigli basati sul benessere fisico che va integrato con una sana alimentazione e con l’apporto benefico che può fornire un allenamento costante. Viviamo comunque in una società dove i ritmi sono aggressivi e spesso non lasciano spazio al benessere fisico che si basa anche su queste due attività sopra menzionate, basti pensare allo sviluppo incondizionato delle grandi catene di fast food che propongono cibi non certamente salutari ma a basso costo e quindi accessibili alle grandi masse.

La più famosa di queste catene di Fast Food che si è guadagnata nel tempo il nomignolo di Junk Food (tradotto Cibo Spazzatura) è Mc Donald. Gli scandali denunciati da molti rispetto a questo marchio ormai non si contano più e se ne aggiunge oggi un altro. Sembra infatti che negli hamburger della grande M siano stati trovati degli additivi e comunque a parte quest’ultima rivelazione in generale la carne se consumata con frequenza giornaliera – e specialmente quella di alcune grandi catene – non contribuisce certo al benessere fisico dell’individuo. Il cibo spazzatura può essere molto e diviene tale a causa di additivi, addensanti e vari altri componenti che vengono inseriti nel prodotto finale venduto e che ritroviamo nelle catene ma anche nei supermercati.

junk-food-2

Leggi tutto “La dieta è alla base di una buona e sana costituzione”