Estrazione dentale semplice o complessa

Estrazione dentale semplice o complessa

Per estrazione semplice si intende quando il dente viene estratto con una specie di pinza dentale. Generalmente prima di tale trattamento vi è anestesia locale. Per estrazione complessa invece si intende quando un dente si è fratturato o frammentato e quindi deve essere estratto in varie parti in più fasi.

Un’altro esempio di estrazione complessa e quando un dente e talmente corroso o rotto da emergere solo con piccoli frammenti dalla gengiva e quindi non vi è la possibilità di agganciarlo con la pinza. In questo caso il dentista si regolerà come procedere. Anche nelle estrazioni complesse generalmente vi è anestesia locale.

Questo tipo di trattamento provoca un certo grado di dolore, sia in fase di trattamento sia qualche ora dopo. Comunque è un dolore gestibile con semplici antidolorifici. L’estrazione dentale si rende necessaria per diversi motivi o cause, per esempio quando un dente ormai e inesistente o infiammato, o quando causa troppo dolore perchè frantumato, ecc. ecc.

Estrarre dente del giudizio , ritenzione ed estrazione

I denti del giudizio sono gli ultimi denti a spuntare e sono quelli che maggiormente rimangono inclusi.  Le cause che portano questi denti a rimanere inclusi sono varie come mancanza di spazio, assenza di un attivo spuntare durante lo sviluppo delle radici, ecc.

Quando il soggetto è giovane bisogna evitare se possibile  l’estrazione dei denti del giudizio, diciamo però che bisogna tenere questi denti sotto controllo per fare questo si può determinare ( sempre relativamente ),  la mobilità e il modo in cui questi denti si evolvono, oltre i 20 anni se questi denti sono posizionati male possono essere estratti.

La ritenzione del dente del giudizio avviene quando il dente non riesce ad emergere o emerge poco, infatti la ritenzione parziale è quando una parte della corona emerge attraverso la gengiva, la ritenzione completa è quando il dente non erompe affatto. Quando ci sono questi problemi attraverso la chirurgia stomatologia eseguita in anestesia locale, questi denti vengono estratti per evitare conseguenze negative come dolore, infezioni, problemi ai denti adiacenti, ecc.

I denti del giudizio più soggetti a malposizioni, sono i denti del giudizio inferiori, ciò non toglie che anche quelli superiori possono dare problemi. Dopo l’estrazione si può formare edema, che scompare dopo qualche giorno; si può avvertire dolore che deve essere controllato, ( se necessario), attraverso antidolorifici, possono verificarsi anche gonfiore e leggero malessere, che fanno parte del normale processo di guarigione, alcune  volte dopo l’estrazione ci può essere febbre.

I denti del giudizio si chiamano  terzi molari,  generalmente maturano e spontano dai 18 ai 20 anni. Quando spuntano si avverte un leggero fastidio, alcune volte anche leggero dolore.